Da cosa dipendono i costi della bolletta della luce?

famiglia

Il prezzo finale della bolletta della luce dipende, prima di tutto, dai consumi. Senza girarci troppo intorno, se si consuma molta energia elettrica, la bolletta sarà decisamente più salata rispetto a chi consuma meno. Mediamente, il consumo di energia elettrica di una famiglia italiana dipende da diversi fattori. Il primo elemento che bisogna tenere in considerazione è il numero di persone che vivono nella casa.

Esistono abitazioni in cui vivono 1, 3, 4 o 6 persone che hanno un consumo elettrico differente. Per intenderci, un componente di una famiglia può consumare più degli altri, dunque non è corretto fare lo stesso calcolo per tutti i membri della famiglia o delle persone che vivono all’interno della casa, sia essa una casa abitata da molte persone, sia essa abitata da poche. Ma proviamo a elencare, seguendo un certo ordine, i fattori principali dai quali dipende il consumo maggiore di energia:

  • Numero di persone che abitano e vivono in casa
  • Tipo e numero di elettrodomestici presenti e utilizzati
  • Le abitudini personali di ogni singolo abitante della casa
  • Come è strutturata la casa

La quantità di tempo in cui gli abitanti di una casa passano nella stessa influisce indubbiamente sul consumo finale.

Facciamo un Esempio: Una coppia di anziani che passa molto tempo in casa, spesso tutto il giorno, fine settimana inclusi, consumerà, mediamente, di più rispetto a una coppia di lavoratori che torna a casa solo la sera e che magari non passa nemmeno i week end in casa.

 

Per la coppia di anziani, la tariffa ideale è quella monoraria che offre lo stesso prezzo dell’energia elettrica durante tutto il giorno. I due lavoratori, invece, sceglieranno una tariffa bioraria o trioraria che offre prezzi più bassi la sera e nei fine settimana e garantendo un risparmio maggiore nelle ore i consumi sono concentrati (come ad esempio la sera).

Anche gli elettrodomestici presenti e utilizzati in casa incidono pesantemente sui costi e i consumi finali della luce. La classe energetica determina la qualità dell’elettrodomestico in questione. I migliori sono quelli con la classe energetica più alta (A+, A++, etc). Ovviamente, quando si ha intenzione di comprare nuovi elettrodomestici per la propria casa, è bene ricordare questa cosa.

Grazie alla legge che obbliga i rivenditori a porre su ogni elettrodomestico il consumo medio annuo, puoi calcolare e valutare in tranquillità ciò che acquisti. Quelli che in media consumano di più sono lo scaldabagno e la lavatrice (spesso se in funzione allo stesso tempo, possono essere la causa del continuo scattare del contatore. A tal riguardo di consigliamo di verificare la potenza del contatore ad esempio 3 o 4,5 kW), a differenza del frigorifero che, nonostante resti sempre acceso, consuma meno di altri.

Quanta luce consuma una famiglia in Italia?

Per stabilire una stima dei consumi di energia elettrica di una famiglia media in Italia ci affidiamo ai dati forniti dall’Autorità (ARERA). Secondo tali dati una famiglia media, per potersi considerare tale, possiede le seguenti caratteristiche.

Consumo medio energia elettrica e consumo medio kWh famiglia Enel, Eni, Edison, Acea, Iren, etc:

  • 4 componenti
  • Residenza nella casa e 3 kW di potenza utilizzata
  • 2.700 kWh all’anno

Attraverso la seguente tabella, rappresentante il I trimestre 2018 senza tasse (Dati dell’Autorità), possiamo vedere concretamente una stima dei consumi medi annui di energia elettrica delle famiglie:

 
COMPONENTI FAMIGLIA ELETTRODOMESTICI CONSUMO ANNUO kWh/anno PREZZO ANNUO DELLA BOLLETTA €/anno
1 persona TV, frigo, condizionatore, lavatrice 1.400 289€
2 persone TV, frigo, pc, lavastoviglie, lavatrice, condizionatore 2.000 370€
2 persone TV, computer, frigo, lavastoviglie, lavatrice, 2 condizionatori, scaldabagno elettrico 2.700 484€
4 persone TV, computer, frigo, lavastoviglie, lavatrice, 2 condizionatori 3.300 582€
4 persone 2 TV, 2 computer, frigo, lavastoviglie, lavatrice, 2 condizionatori, scaldabagno elettrico 3.600 360€
5 persone 2 TV, 2 computer, frigo, lavastoviglie, lavatrice, 3 condizionatori 5.200 891€

Come consumo meno luce?

Risparmia in bolletta luce&gas! Chiedi un consulto gratuito a un nostro esperto allo 02 829 415 99 e valuta le offerte di luce&gas adatte alle tue esigenze e alla tua casa!

La scelta di un buon fornitore può essere sinonimo e motivo di risparmio. Non c’è un gestore che sia migliore di un altro in assoluto visto che dipende da ciò che cerchi. Dunque scegliere un gestore tra Edison o Gas NaturalEniIberdrolaAimIrenHeraEnelA2AAceaEngieEVIVAServizio Elettrico NazionaleServizio Elettrico RomaSorgenia o EnerGrid e tanti altri, può dipendere solo da quello che stai cercando per la tua casa e per i consumi di energia elettrica della tua famiglia.

Abbiamo accennato in precedenza come sia indispensabile, per un risparmio concreto di energia elettrica e dunque di soldi a fine mese, avere elettrodomestici, o apparecchi elettronici, efficienti. Diventa quasi un obbligo sostituire quelli più vecchi e praticamente obsoleti, con altri che sono dotati di una classe energetica elevata. Solo così il risparmio si può iniziare a parlare di vero risparmio.

Per fare un esempio, una lavatrice che ha più o meno 20 anni può consumare circa il 20% in più rispetto a una lavatrice di ultima generazione o, quanto meno, più moderna. In generale, e risulta quasi scontato parlarne, stare attenti ai consumi, evitando gli sprechi di corrente, è il primo passo. Spegnere le luci quando non si è in una stanza, effettuare i lavaggi di stoviglie e bucato a pieno carico a temperatura ridotta, usare la modalità deumidificazione del condizionatore e regolare la temperatura dello scaldabagno, sono solo alcuni dei piccoli gesti per diminuire i propri consumi in casa e risparmiare a fine mese.